skip to Main Content

Scalzatura alberello

Scalzatura Alberello

Dopo l’aratura con l’asino si passa al lavoro della scalzatura. Questa pratica consiste nella rimozione del “ponte”, la porzione di terra rimasta tra un ceppo e l’altro dopo l’aratura ravvicinata. Piú l’aratura è vicina al ceppo, piú il ponte è stretto e facile da rimuovere, anche per questo motivo è piú indicato usare un aratro trainato da animali, perchè l’aratro si può avvicinare di piú alla pianta in quanto leggero e facile da guidare e spostare. La scalzatura ha come fine quello di rimuovere erba ed eventuali radici superficiali della pianta (che deve essere stimolata a scendere piú in profondità possibile) e a rimuovere l’erba che si riformerà successivamente. Tramite successiva aratura verrà riportata la terra vicino alla pianta, andando a soffocare la nuova erba che intanto sarà ricresciuta (torrai terra). Scracciai è il termine usato nel comune di Sant’Antioco per definire una pratica concettualmente semplice ma che va saputa attuare nei dovuti modi se si vogliono schiena e mani integri dopo il lavoro 🙂

Nel video vediamo Bruno che in 8 ore è in grado di scalzare 2000 ceppi (fundusu)

Back To Top